Small crab into the corals @Mafia Island - Tanzania ©Andrea Pompele All Rights Reserved

Small crab into the corals @Mafia Island - Tanzania ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Small crab into the corals @Mafia Island - Tanzania ©Andrea Pompele All Rights Reserved

martedì 13 ottobre 2015

Africa, the mother land: Tanzania. IL DIO OSCURO/THE DARK GOD



CLICCA SUL VIDEO E VEDRAI 20 SECONDI INCREDIBILI 

CLICK ON THE VIDEO AND YOU'LL SEE 20 INCREDIBLE SECONDS

“Non importa se non sei d’accordo con me, al limite ti ucciderò, mangerò il tuo cuore e offrirò la tua vita in sacrificio ad un Dio Oscuro. Il leopardo.”

È uno scherzo che uso sempre con la mia collega quando sono un po’ nervoso. Ebbene sì anche nella savana si può essere nervosi ed incazzarsi anche parecchio.
Questo non significa tuttavia che non sia contento e felice, queste sono emozioni assolutamente normali in ogni contesto, anche “in the middle of nowhere of the bush.” “ma va’! E tu che sembravi un tipo così tranquillo…seeee” “ lasciamo perdere va”.

Torniamo a noi: Il leopardo.

"Male leopard on the road - Fundi" - Ruaha - Tanzania - 
 ©Andrea Pompele All Rights Reserved
È affascinante, misterioso, elegante, estremamente pericoloso ed elusivo. Può decidere di farsi trovare oppure può nascondersi nell’erba anche in una zona aperta, per lui non è necessario che ci sia un posto più o meno fitto dove possa trovare riparo da occhi a lui indiscreti, può nascondersi anche in area aperta con erba corta e non foltissima. Non importa. 

Lui è il leopardo. 

Un Dio Oscuro appunto.

"Male leopard at dusk"  - Ruaha - Tanzania - 
 ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Nel campo abbiamo un leopardo maschio che vive intorno a noi, non è facile vederlo anche perché essendo adulto è estremamente elusivo, ma puntualmente ogni mattina trovo le tracce intorno alle tende degli ospiti oppure intorno alla mia. Passa ad un metro circa dalla tenda, praticamente vicinissimo alla mia testa. Non mi spaventa la cosa né mi da’ fastidio averlo nel campo, anzi. Mi piace che se ne vada in giro indipendente senza nessuna preoccupazione per gli umani che vivono nel campo. A volte di notte si può sentire il suono della sua voce, non è un ruggito come quello del leone, direi piuttosto un rumore profondo come di una grossa sega che taglia un enorme albero. È divertente cercare di capire dove si trova e che cosa stia facendo. Naturalmente non vado certo a farmi una passeggiata per cercare di trovarlo, me ne sto nella mia tenda e intuisco in che parte della proprietà si trova, o almeno ci provo.

Leopard drinking - camera trap - Ruaha - Tanzania - 
 ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Ogni notte mettiamo una camera trap per capire chi e quando viene a farci visita la notte, un po’ per curiosità, un po’ per avventura e un po’ per ricerca scientifica: voglio capire con quanta frequenza alcune specie si presentano durante il buio. Lo so, sono noioso, ma sono un biologo, non posso essere diverso. Suvvia, capitemi.

Andiamo a metterla tutte le sere, dobbiamo stare attenti perché potremmo incontrare qualsiasi animale: elefanti, sciacalli, bushbucks, kudu, facoceri, bushpigs, zebre, impala, il leopardo appunto ed anche i leoni. La scorsa settimana c’era una coppia di leoni che si stavano accoppiando, la femmina si è subito accorta di noi e il maschio ha cominciato a dare segni di nervosismo, ringhiava e si acquattava nell’erba, avvicinandosi piano piano a livello del suolo fino a caricare scattando all’improvviso tra gli arbusti e l’erba alta.

Eravamo a piedi.

Il leone non era interessato a noi, ma era ovviamente aggressivo, e ci ha attaccato per tenerci lontano. Non è successo niente di grave perché una delle nostre macchine stava passando di lì e si è frapposta tra noi e i leoni, proteggendoci e permettendoci di salire ci ha lasciato il tempo di metterci al sicuro. Il leone si è spaventato, ha fatto un giro intorno al cespuglio e ha cominciato a grugnire e ringhiare. Non ho paura dei leoni, è una questione di attitudine, mi è capitato altre volte, riesco a rimanere calmo e non mi faccio prendere dal panico, cosa che capita a moltissime persone. È normale, credo. Mi fido molto meno del leopardo.

Leopard drinking - camera trap - Ruaha - Tanzania - 
 ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Praticamente ogni sera viene a bere e riesco ad immortalarlo con la camera trap. Sorprendentemente una sera ne ho trovati due, il maschio e la femmina, in luna di miele come si dice qui, in periodo di accoppiamento, come sarebbe più corretto. La cosa che mi sorprende di più è l’orario in cui si presenta/presentano: intorno alle 19:30. A volte alle 20:00, più spesso alle 20:30, quando mi sto facendo la doccia nella tenda oppure quando siamo intorno al fuoco per un drink prima di cena o durante il pasto.


Honeymooners Leopards drinking - camera trap - Ruaha - Tanzania - 
 ©Andrea Pompele All Rights Reserved
In questo parco è relativamente facile avvistare i leopardi: uno perché ce ne sono parecchi, due perché le “mie” guide sono tra le migliori, ma indubbiamente una bella dose di fortuna aiuta e non poco, se non vogliono non si fanno certo avvistare, anche se onestamente un giorno sono tornati gli ospiti al campo e chiedendo loro come era andata la giornata, ho scoperto che ne hanno visti 5 diversi. 

Ho smesso di parlar loro. 

Eh no a tutto c’è un limite, 5 in un giorno solo no. 

Un ragazzo che non aveva mai visto un leopardo in vita sua è venuto qui e ne ha visti 3 in un giorno, due sullo stesso albero. 

Era felice.

E' un posto meraviglioso, lo so.


Se vi è piaciuto questo articolo allora potreste essere interessati a lasciare un commento, oppure a leggere anche questi altri:

L'ISOLA DEL TESORO

LE NOTTI SILENZIOSE SONO LE NOTTI MIGLIORI

I LEONI RUGGISCONO DI NOTTE

IL VIAGGIO

ENGLISH VERSION


"It doesn’t matter if you do not agree with me, I’ll kill you, eat your heart and sacrifice your soul to an Evil God. The Leopard. "

It's a joke that I always use with my colleagues when they are a bit nervous. Yes even in the bush you can be nervous and get pissed off too.

However this does not mean that we are not content and happy, but these emotions are absolutely normal in every context, even "in the bush in the middle of nowhere." ​​"But it should be '! And here I seemed like such a cool and calm guy…

Returning back to point. The leopard.

It is fascinating, mysterious, elegant, extremely dangerous and elusive. It can decide whether to be found or it can hide in the grass in an open area, for him it is not necessary that there is thick vegetation where it can find shelter from the prying eyes on him but he can also hide in open area with short grass. It does not matter. He is the leopard. A Dark God precisely.

In the camp we have a male leopard that lives around us, it is not easy to see because being adult is very elusive, but every morning I find tracks around my tents and around the guest tents. It comes to about one meter away from the tent, close to where I lay my head. He does not scare me and I do not disturb him, in fact I like that he goes around independently with no concern for the humans living in the camp. Sometimes at night you can hear the sound of his voice, not a roar like the lion, but rather a deep rhythmic sound like a big saw cutting a huge tree. It's fun to try to figure out where he is and what he is doing. Of course I do not take a walk to try to find him, I sit in my tent and I sense in which the direction he is located, at least I try.

Each night we put a camera trap to see what animals visit us at night and at what times, partly out of curiosity, partly for adventure and partly for scientific research: I want to understand how often some species visit during the dark of the night. I know I'm boring, but I'm a biologist, I cannot be different. Come on, understand me.

Every night we have to be careful because we could meet any of the following animals: elephants, jackals, bushbucks, kudu, warthogs, bush pigs, zebra, impala, leopard and even lions. Last week there was a couple of lions that were mating, the female was immediately noticed us and the male began to show signs of nervousness, growled and crouched in the grass, approaching slowly at ground level then suddenly charged at us through the bushes and tall grass.

We were on foot!

The lion was not interested in killing us, but it was obviously aggressive, and charged at us to keep us away. Nothing serious happened because one of our cars was passing by and came between us and the lions, protecting us and allowing us to climb in to the vehicle to safety. The lion was scared, he toured around the bush and began to grunt and growl. I'm not afraid of the lions, it is a matter of attitude, when this happened other times, I can stay calm and I do not panic, something that happens to many people. It's normal, I think. I trust much less the Leopard.

Almost every night he comes to drink and I can prepare the camera trap. Surprisingly one evening I found pictures of two leopards, male and female, on their honeymoon as they say here, in the breeding season, as would be more correctly stated. The thing that surprises me the most is the time shown of when he visits: around 19:30. Sometimes at 20:00, more often at 20:30, when I'm taking a shower or when we are in the tent around the fire for a drink before dinner or during the meal.


In this park it is relatively easy to spot leopards: firstly because there are many, second because "my" guides are among the best, but certainly a good dose of luck helps a lot. Though honestly one day the guests returned from their day safari and I asked them how their day was, I discovered that they had seen 5 different leopards.

I stopped talking to them. 

Oh no there is a limit to everything, 5 in one day! No! 

A guy who had never seen a leopard in his life has come here and has seen three in one day, two on the same tree. 

He was happy.

It's a wonderful place, I know.


If you like this post maybe you can read also these ones:

TREASURE ISLAND

SILENT NIGHTS ARE THE BEST NIGHTS

LIONS ARE ROARING AT NIGHT

THE TRIP

THE END OF AN ADVENTURE