Small crab into the corals @Mafia Island - Tanzania ©Andrea Pompele All Rights Reserved

Small crab into the corals @Mafia Island - Tanzania ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Small crab into the corals @Mafia Island - Tanzania ©Andrea Pompele All Rights Reserved

lunedì 12 gennaio 2015

Africa, the mother land: Namibia. IL DESERTO E' COME LE ALPI

Il deserto è duro. O ti piace o non ti piace. Non c’è un compromesso, tipo: “ma sì mi piace, ma non mi fa impazzire”. O lo ami o lo odi. È un ambiente estremo e come tutti gli ambienti estremi può entrarti nel cuore oppure esserti indifferente.

Una cosa è certa: non è facile.

Sunrise @Namib desert - Namibia ©Andrea Pompele All Rights Reserved
In questo il deserto è come la montagna, bisogna avere rispetto di sé, prima di tutto, poi della montagna altrimenti ti toglie la vita in un secondo. Io lo so, ci sono nato in montagna, sulle alpi occidentali, le più alte d’Europa, dove puoi trovare ambienti di tutti i tipi, dalle foreste di conifere alle praterie alpine soprai i 1800 m, dalle rocce a picco, i salti di roccia, ai ghiacciai perenni, dove il sole è forte, molto forte, e sopra una certa altitudine tutto sembra assumere una diversa prospettiva. Dove la bellezza e la natura sono ancora padroni e ti avvolgono completamente.

“Scusa ma non stavamo parlando del Deserto?” “Sì certo!” “e cosa c’entrano le Alpi?” “c’entrano c’entrano…”

Sand of the Namib Desert - Namibia ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Vedete nel deserto è la stessa cosa, la natura e le sue forze dominano completamente, tu non sei altro che un minuscolo granello di sabbia all’interno del deserto. E il deserto è antico come le montagne, ne ha la stessa forza, ne possiede le stesse caratteristiche, è duro, estremo, caldo e freddo allo stesso tempo, ed esige rispetto.



La notte è gelida, d’inverno, da 0-5 gradi e il giorno è rovente arriva a 30 C, spira un vento freddo oppure caldo, secco o carico di umidità. “Umidità nel deserto?” “Ma certo!” “ora ci arriviamo…con calma” un vento che può gelarti le ossa appena cala il buio e il buio cala in fretta in Africa, oppure toglierti le forze dal calore che spira, e non riesci a dormire e nemmeno a pensare. 

Il sole è forte, l’insolazione è molto potente, e bisogna proteggersi la testa molto bene, e bere frequentemente piccoli sorsi d’acqua. Non serve berne una grande quantità, anzi sarebbe controproducente, primo perché l’acqua è una risorsa preziosa e se la finisci subito poi come fai?  Secondo perché più bevi, più aumenti la traspirazione, quindi rischi la disidratazione con conseguenti problemi di mal di testa, febbre, e fastidi gastrointestinali, non esattamente piacevoli da affrontare in the middle of the desert. Occorre perciò idratarsi in maniera corretta, con piccole quantità. Ma bisogna farlo!ù

Sunset @Namib desert - Namibia ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Nel deserto non si suda, non molto almeno, ed è naturalmente dipendente da ognuno di noi, ma si può rapidamente giungere a questa conclusione, non si sente la sete inizialmente: la pelle e i capelli si seccano subito però e man mano che passa il tempo il nostro corpo richiede più liquidi. Arriva la sete e può essere insostenibile a quel punto. Un vero incubo.

L’inverno nel deserto assomiglia all’estate alpina. È esattamente uguale. Tutte queste cose ci sono anche sulle Alpi, perciò sono molto simili come ambienti. Tutte queste dinamiche si possono riscontrare anche in Montagna, nello stesso identico modo, che tu sia un escursionista o un alpinista, uno scalatore o uno sportivo devi stare attento alle stesse cose se vuoi godere appieno della bellezza.

E la bellezza è una dominante del deserto. Non importa che deserto sia, non importa in che parte del mondo ti trovi, lo splendido fulgore dell’ambiente desertico ti può colpire, affascinare, ti fa innamorare o ammalare.

Sand of the Namib Desert - Namibia ©Andrea Pompele All Rights Reserved
Conosco persone che amano letteralmente i deserti, non possono farne a meno, sono guidati da questi ampi spazi, dove l’orientamento viene meno e tutto sembra uguale, dove i suoni si propagano e si spezzano immediatamente, dove il cielo sovrasta un mare di sabbia di tanti colori, o rocce brune dall’aspetto minaccioso. 

La mia cara amica Michela è così: lei ama il deserto, si trova a suo agio, libera e completa. Lei pensate che riesce a trovare un inconsapevole oppure io penso totalmente cosciente, modo per viaggiare da un deserto all’altro. riesce sempre a stupirmi questa cosa, perché lei non sembra farci piuttosto caso, ma alla fine si ritrova sempre nei deserti: Sahara, Namib, Kalahari, Dancalia, etc… si vede che lei ne ha bisogno. E io la rispetto molto per questo. 

Le persone come lei trovano nel deserto lo spazio meditativo che li fa avvicinare a loro stessi, alla loro intimità e alla loro fragilità, ma nello stesso tempo ti fanno tirare fuori il meglio di te, la tua forza, il tuo coraggio e le tue qualità. Sbattendoti in faccia quanto piccolo ed inutile tu possa essere, sebbene ti creda un grande uomo, e facendoti capire chi sei in realtà. Semplicemente essendo sé stesso. Il deserto non mente mai, non accetta bugie o sotterfugi, macchinazioni o strategie, è potente e sincero. Mistico e brutale.

Il deserto è la vita. 


Lost road into the Namib - Namibia ©Andrea Pompele All Rights Reserved


Se vi è piaciuto questo articolo allora potreste essere interessati a lasciare un commento, oppure a leggere anche questi altri:

Africa, the mother land: Namibia. IL FIUME DEGLI ELEFANTI PT III

Africa, the mother land: Namibia. IL FIUME DEGLI ELEFANTI PTII

Africa, the mother land:Namibia. IL FIUME DEGLI ELEFANTI PT I

Africa, the mother land: Namibia. HOW IS IT? VEEEEERY VERY HOT


ENGLISH VERSION

The desert is hard. Either you like it or not . There’s no compromise: "yeah I like, but I'm not crazy about."

You either love it or hate it. It's an extreme environment and like all extreme environments in the world  could enter you heart or you could be unconcerned about it.

One thing is sure: it is not easy.

Desert is like Mountain, you should have self-respect, first of all, otherwise mountain could kill you in a second. I know that, I was born in the middle of mountains, on Western Alps, the highests in Europe, where you can find all kinds of environments, from coniferous forests to alpine meadows over 1800 m , from sheer cliffs, rock jumps, glaciers, where the sun is strong, very strong, and above a certain altitude everything seems to take a different perspective. Where beauty and nature are still powerful masters and surround you completely.

"Sorry, but we were not talking about the desert?" "Yeah!" "And what matters the Alps?" "they matter, they matter...”

In the desert is the same thing, the nature and its forces dominate completely, you are nothing but a tiny grain of sand. And Desert is as old as Mountains, it has the same strength, it has the same features, it's hard, extreme heat and cold at the same time, and demands respect.

The night is cold, in winter, by 0-5 degrees and the day is hot reaches 30 C, wind blows cold or hot, dry or loading moisture. "Humidity in the desert?" "Of course!" "Now we get there...calmly"  wind that can freeze your bones after dark and darkness falls quickly in Africa, or take off the forces from the heat that blows, and you cannot sleep at night and even think.

The sun is strong, the insolation is very powerful, and you have to protect your head very well, and frequently drink small sips of water. No need to drink a great deal, in fact it would be counterproductive, first because water is a precious resource, and if you end it up right away then how can you manage? Second, because the more you drink, the more perspiration increase, then the dehydration risks occurs. The results? Problems of headache, fever, and gastrointestinal discomfort, not exactly pleasant to deal with in the middle of the desert. Therefore it’s necessary to hydrate properly, with small amounts of water. But you have to do it!

In the desert you don’t sweat, at least not much, it’s dependent on each of us, but you can quickly reach conclusion, you don’t feel the thirsty initially: the skin and the hair dries quickly, however, and as time passes your body requires more fluids. Then it comes the thirst and it can be unbearable at that point. A real nightmare.

Winter in the desert looks like Alpine summer. It’s exactly the same. All of these things are also in the Alps, so they are very similar as environments. You can find all of these dynamics in Mountain, exactly in the same way, if you're a hiker, a climber or an athlete, you have to be careful about the same things if you want to enjoy the beauty.

And beauty is dominant in deserts. No matter what desert is, no matter where in the world you are, the beautiful desert environment can hit you, fascinate, makes you fall in love or get sick.

I know people who love literally deserts, they are driven by these large spaces, where the orientation is less and everything looks the same, where the sounds promulges and break immediately, where the sky above a sea of sand is made by many colors, or brown scary rocks. My dear friend Michela is so: she loves the desert, she is at ease, free and complete. I think she can find an unconscious or totally conscious way to travel from one desert to another.  It always surprises me, because she doesn’t seem to give attention to it, but in the end she always stays in the deserts of Sahara, Namib, Kalahari, Dancalia, etc ... you can see that she needs it. And I give her al lot of respect  for that. 
People like her are in a meditative space that makes them closer to themselves, to their intimacy and their fragility, but at the same time makes you bring out the best of you, your strength, your courage and your qualities . showing you how small and useless you may be, although you believe to be a great man, and making you understand who you really are. Simply being yourself. Desert never lies, does not accept lies or deceit, machinations or strategies, is powerful and sincere. Mystical and brutal.